Laturo: the most isolated and charming village of Abruzzo

Located on a sandstone plateau, surrounded by ancient forest and immersed into the "Gran Sasso and Monti della Laga National Park" in the heart of the Italian Central Apennine mountain range, Laturo ("Lu Lature" in the local dialect) let you admire himself from afar, in silence.


Laturo 2020 - ph Tony Galdi

History

Laturo, stands at about 850 m. above sea level and falls within the municipality of Valle Castellana in the Province of Teramo, and what makes this village special is the fact that it is reachable exclusively on foot via trails.

The village, of unusually large dimensions, was inhabited until 1950 by about fifty families for a total of over two hundred people, who occupied about thirty houses, most of which today remain only ruins. Its origin are dated back to the late Middle Ages also testified by the finding of the Gafio (a balcony made with a wooden structure embedded in the masonry) which is a Longobard building technique.

It was one of the most important villages of the Monti della Laga, consisting mainly of shepherds, chestnut farmers and lumberjacks.


The post-World War II migration gradually decreased the population; the absence of a road that allowed the essential communications with civil life and the transport of goods, the inconveniences inherent in living isolated and the drastic pastoral activity did the rest. At the end of the 70s the last family thus abandoned the town of Laturo to its fate.



The Rebirth and The Mission

In 2010, Federico Panchetti, trekking guide and wilderness lover, rediscovers the abandoned village when alone he venture along the closed paths of the Pre-Apennine of the Monti Gemelli, ringing a path to discover Laturo starting from Olmeto, hiking up to Collegrato.

When Laturo unveils to his eyes it's love at first sight.

In 2012 the “Amici di Laturo” Association is founded, in order to be able to start buying houses and restoring them and saving as much as possible the appearance of that abandoned and ruined village.

Since then Federico together with his spouse Martina De Gregoris and his “Friends of Laturo”, despite the many difficulties and efforts, has complitely restored, using a conservative construction techniques and renewable energy sources, two houses and the local Church and today he is on a fourth restoration project for the house "La Rinascita". Federico even made a garden, with potetoes, tomatoes, garlic onions and lattuce and much more.

Martina instead has created a small workshop called "Bottega Natura" for craftsmanship of wood.

She also placed some hives for the bees and often organizes courses for the production of baskets, soaps and artisan creations, meetings and thematic discussions.

All earnings are to support the association.

The Association every year organizes also various events such as trekking days, degustation of local products and much more, in order to create awareness of the villagge and the beauty of the surrounding nature. In 2013 Laturo hosted the "Apennine Festival", a memorable event that has brought hundreds of people to the village.



The Future

Additional house restorations are also planned in the near future by whom, like Federico, believes in the authenticity of this historic hidden gem of Abruzzo and in the preservation of the cultural and architectural heritage these places have with the ultimate goal of saving them from the oblivion.

Who believes in Laturo aims to create awareness by getting additional people involved, creating rural and sustainable tourism with the scope to let people reconnect with nature, to reconnect with themselves and to escape from the daily life, appreciating the slow rhythms, flavors, scents and sensations from the past.



How to get to Laturo

There are three main official trails that lead to Laturo:


1) Settecerri-Laturo (The trail is always walkable, travel time about 40 minutes walk)

2) Valzo-Laturo (no signed trail, it may present sections with brambles and tall ferns, about 40 minutes walk)

3) Collegrato-Laturo (signed trail, 1 hour and 30 approximately walk)


Keeping Laturo alive

To help keeping all this heritage alive anybody can support the association by actively contributing and making a donation.

The funds raised will be used to ensure the constant cleaning of the paths and the maintenance of the architecture already restored, as well as will contribute to the ongoing restoration of the fourth house "Casa la Rinascita", in which a refuge room will also be set up, always open to welcome visitors. in case of emergency.


Destination Abruzzo is an active supporter and member of the "Amici di Laturo" association since we totally embrace the ideal of bringing back to life and keeping alive the culture and heritage of our Abruzzo.


For donations to the "Amici di Laturo" association:

IBAN: IT50G0307502200CC8500723826


Also, a crowdfunding by Federico is now active on Facebook, you can contribute by clicking the link below:


https://www.facebook.com/donate/549481666031377/



LATURO:

Situato su un altopiano di arenaria, circondato da un bosco secolare e immerso nel "Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga" nel cuore dell'Appennino Centrale italiano, Laturo ("Lu Lature" in dialetto locale) ti lascia ammirare da lontano, in silenzio.


Storia

Laturo, si trova a circa 850 m. di altitudine e ricade nel comune di Valle Castellana in Provincia di Teramo, e ciò che rende speciale questo borgo è il fatto che è raggiungibile esclusivamente a piedi tramite sentieri.

Il borgo, di dimensioni insolitamente grandi, fu abitato fino al 1950 da una cinquantina di famiglie per un totale di oltre duecento persone, che occupavano una trentina di case, la maggior parte delle quali oggi rimangono solo ruderi. Le sue origini risalgono al tardo medioevo testimoniato anche dal ritrovamento del Gafio (un balcone realizzato con struttura lignea incastonata nella muratura) che è una tecnica edilizia longobarda.

Era uno dei borghi più importanti dei Monti della Laga, composto principalmente da pastori, castagnoli e boscaioli.

La migrazione post-seconda guerra mondiale diminuì gradualmente la popolazione; l'assenza di una viabilità che consentisse le comunicazioni essenziali con la vita civile e il trasporto delle merci, gli inconvenienti insiti nel vivere isolato e la drastica attività pastorale hanno fatto il resto. Alla fine degli anni '70 l'ultima famiglia abbandona così il paese di Laturo al suo destino.


La rinascita e la missione

Nel 2010 Federico Panchetti, guida di trekking e amante della natura selvaggia, riscopre il borgo abbandonato quando da solo si avventura lungo i sentieri chiusi del Pre-Appennino dei Monti Gemelli, inanellando un sentiero alla scoperta di Laturo partendo da Olmeto, salendo fino a Collegrato.

Quando Laturo si svela ai suoi occhi è amore a prima vista.

Nel 2012 nasce l'Associazione “Amici di Laturo”, per poter iniziare ad acquistare case e ristrutturarle e salvare il più possibile l'aspetto di quel borgo abbandonato e diroccato.

Da allora Federico insieme alla consorte Martina De Gregoris e ai suoi “Amici di Laturo”, nonostante le tante difficoltà e fatiche, ha completamente restaurato, utilizzando tecniche costruttive conservative e fonti di energia rinnovabile, due case e la Chiesa locale e oggi si trova su un quarto intervento di restauro per la casa "La Rinascita". Federico ha anche fatto un orto, con patate, pomodori, cipolle all'aglio e lattuga e molto altro ancora.

Martina invece ha creato un piccolo laboratorio chiamato "Bottega Natura" per la lavorazione artigianale del legno.

Posiziona anche alcune arnie per le api e spesso organizza corsi per la produzione di cesti, saponi e creazioni artigianali, incontri e discussioni tematiche.

Tutti i guadagni servono a sostenere l'associazione.

L'Associazione organizza ogni anno anche diversi eventi come giornate di trekking, degustazioni di prodotti tipici e molto altro, al fine di creare consapevolezza del borgo e della bellezza della natura circostante. Nel 2013 Laturo ha ospitato la "Festa dell'Appennino", un evento memorabile che ha portato nel paese centinaia di persone.


Il futuro

In un prossimo futuro sono previsti anche ulteriori restauri di case da parte di chi, come Federico, crede nell'autenticità di questo gioiello storico nascosto d'Abruzzo e nella conservazione del patrimonio culturale e architettonico che questi luoghi hanno con l'obiettivo finale di salvarli dall'oblio .

Chi crede in Laturo punta a creare consapevolezza coinvolgendo ulteriori persone, realizzando un turismo rurale e sostenibile con lo scopo di far riconnettere le persone con la natura, di riconnettersi con se stesse e di evadere dalla vita quotidiana, apprezzando i ritmi lenti, i sapori, i profumi e sensazioni dal passato.


Come arrivare a Laturo

Tre sono i principali sentieri ufficiali che portano a Laturo:


1) Settecerri-Laturo (Il sentiero è sempre percorribile, tempo di percorrenza circa 40 minuti a piedi)

2) Valzo-Laturo (nessun sentiero segnalato, può presentare tratti con rovi e alte felci, circa 40 minuti a piedi)

3) Collegrato-Laturo (sentiero segnalato, 1 ora e 30 circa di cammino)


Mantenere in vita Laturo

Per aiutare a mantenere vivo tutto questo patrimonio chiunque può sostenere l'associazione contribuendo attivamente e facendo una donazione.

I fondi raccolti saranno utilizzati per garantire la costante pulizia dei percorsi e il mantenimento delle architetture già restaurate, oltre a contribuire al restauro in corso della quarta casa "Casa la Rinascita", nella quale sarà presente anche un locale rifugio allestito, sempre aperto all'accoglienza dei visitatori. in caso di emergenza.


Destination Abruzzo è un attivo sostenitore e membro dell'associazione "Amici di Laturo" poiché abbracciamo totalmente l'ideale di riportare in vita e mantenere viva la cultura e il patrimonio del nostro Abruzzo.


Per donazioni all'associazione "Amici di Laturo":

IBAN: IT50G0307502200CC8500723826


Inoltre, ora è attivo un crowdfunding di Federico su Facebook, puoi contribuire cliccando il link sottostante:


https://www.facebook.com/donate/549481666031377/